Valle Anzasca

              Anello Pontegrande-Valpiana

 
 Gita effettuata in data : 16-Marzo-2022                                                       

 Partenza da: Pontegrande 526
 Dislivello totale : m. 350
 Difficoltà : E
 Effettivo cammino h: 3,00

Come arrivarci: Percorrere la A26 sino a Gravellona Toce, proseguire seguendo la Statale del Sempione , sino all’uscita di Piedimulera, da dove si imbocca la SS549 della Val Anzasca che si percorre in direzione di Macugnaga sino a raggiungere Pontegrande.

 

Lasciata l’auto a Pontegrande attraversiamo il ponte sul Torrente Anza, che a causa della prolungata siccità e in mancanza di pioggie e neve, appare poco più di modesto fiumiciattolo e quasi si stenta a credere che quando in piena la furia delle sue acque diventa devastante tanto che il ponte fù distrutto due volte e ricostruito nella foggia attuale nel 1858. Valicato il ponte ci indirizziamo verso la località Pioda da cui iniziamo a salire per raggiungere Bannio. Lungo il percorso incontriamo un’azienda agricola in cui un bovino si riposa guardando incuriosito il nostro passaggio e continuando sulla mulattiera raggiungiamo il Santuario della Madonna della Neve proseguiamo lungo la Via Crucis denominato il “percorso delle cappelle”, realizzate nel 1722, in occasione del 1° Centenario del Santuario dedicato al culto mariano ed espressione della devozione dei Banniesi alla Madonna. Giunti a Bannio visitiamo il paese che si presenta con il suo bel centro abitato che conserva l’imponente lavatoio e le sue vie interne ancora lastricate. Continuando nel nostro cammino, raggiungiamo la frazione di Parcineto da cui proseguiamo fino ad arrivare a Valpiana. Seguendo per un tratto la strada asfaltata si scende ad attraversare il ponte sul Torrente Olocchia e ci incamminiamo a sinistra lungo il sentiero B11a in direzione di Anzino. Il percorso si sviluppa pianeggiante tra boschi e pascoli e perviene all’Alpe Baulina da cui si prosegue immersi nel bosco e, superata una ennesima cappella, si arriva sulla strada che conduce alla Via Crucis. Visitiamo il paese, che sorge ai piedi del Monte Scarpignano, conosciuto per l’imponente Via Crucis, nata nel XVI secolo come percorso devozionale legato alle tradizioni dei pellegrini della Val Sesia, e il Santuario di Sant’Antonio da Padova. Lasciamo il paese e seguendo i numerosi tornanti della via, scendiamo a Pontegrande dove chiudiamo l’anello di questa gita tranquilla ed interessante.

 

Link per la Via Crucis di Anzino: https://lavalledelrosa.forumfree.it/?t=78337575

Link per la Milizia Tradizionale di Bannio: https://miliziatradizionalebannio.it/la-festa/